Il fratellino picchia il grande: perché e cosa fare

Mi scrive una mamma preoccupata perché il fratellino picchia il grande. Cosa fare e cosa non fare? E poi, perché mai il piccolo vuole picchiare?


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


In questo video blog ho individuato quattro motivi per cui il fratellino minore picchi il grande. Nello specifico della richiesta il grande va alle medie e il piccolo alla materna. Ecco le quattro ragioni per cui potrebbe essere che il fratellino picchia il grande:

  1. Mette alla prova il fratellone e la sua pazienza e forza,
  2. Mette alla prova la mamma (o il papà) e il suo amore
  3. Per distinguersi dal grande (ti rimando all’idea della Positive Discipline tra l'”appartenere e distinguersi
  4. Non sa bene come dimostrare scontento per qualcosa.
  5. Per qualsiasi sia la ragione per cui il fratellino picchia il grande, ecco cosa consiglio di non fare. Consiglio di non giustificare MAI il piccolo solo perché è piccolo, farebbe male al grande e darebbe un alibi scorretto al piccolo.

    Consiglio poi una formula da usare con il piccolo per insegnargli che è sbagliato: dirgli che non si fa + spiegare il perché + usare un opposto positivo (se non sai cos’è ti consiglio l’audio corso Diventa Genitore Leader e Coach).

    Per farti un esempio, la frase da usare quando il fratellino picchia potrebbe essere: “Non si fa + perché fai male. + Le mani servono per accarezzare/mangiare/giocare.”

    Dopo la frase, finita l’urgenza della violenza, suggerisco di non continuare con ramanzine o lunghe tiritere su cosa non si fa. Basta, la lezione funziona se è corta.


    TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO DI DEBORA CONTI, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

    Debora Conti, autore dell'articolo: Il fratellino picchia il grande: perché e cosa fare
    Il fratellino picchia il grande: perché e cosa fare – Diventa Genitore Leader e Coach – Figli Felici
    Un articolo di Debora Conti, mamma, Trainer di PNL da più di 10 anni e l’unica operatrice certificata in Europa per lo Yale Parenting Method presso Yale University, ideatrice del metodo Figli Felici. Nel 2013 ha ideato il metodo Figli Felici ed è autore del libro “Il Linguaggio Emotivo dei Bambini” con Sperling & Kupfer.

    3 video gratis per crescere i figli in un ambiente sereno… per tutti!

    Il primo video ti parlerà di come “complimentarsi”, cioè l’elogiare o praise in inglese. Il secondo video introdurrà la tecnica dell’ignorare. Nel terzo video capiremo come sono neurologicamente così diversi rispetto a noi.

    I mostri sono troppo divertenti. A volte corriamo nella stanza e ci chiudiamo dentro perché fuori c’è la strega che ci insegue: che pauraaaaaaa! E tutto si trasforma in gioco. Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

    I mostri sono troppo divertenti. A volte corriamo nella stanza e ci chiudiamo dentro perché fuori c’è la strega che ci insegue: che pauraaaaaaa! E tutto si trasforma in gioco. Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

    I mostri sono troppo divertenti. A volte corriamo nella stanza e ci chiudiamo dentro perché fuori c’è la strega che ci insegue: che pauraaaaaaa! E tutto si trasforma in gioco. Debora Conti - Speling & Kupfer - Metodo Figli Felici - Kazdin Parenting Method  - PNL - Programmazione Neurolingiostica - Yale Parenting Center

    Potrebbe piacerti anche…

    Chi è un genitore consapevole?
    4.683
    Un genitore consapevole è un genitore che si fa domande… tante domande. Ecco perché qui ti parlo di Domande Utili e faccio degli esempi. In Programmazione Neuro Linguistica (PNL), propongo l’uso (smodato) di uno strumento pratico per...
    La rabbia si butta fuori!
    5.130
    Le e-mozioni sono fatte per essere esternate. Anche la rabbia segue lo stesso principio: buttiamola fuori come ci insegna Penelope online. Penelope. In questo simpaticissimo video, commento la tecnica super efficace di Penelope, bimba che ha fatto il...
    Time In: alternativa alle punizioni e al Time Out
    37.246
    Un’alternativa alle punizioni e al Time Out dalla Positive Discipline è il Time In. Non è una ricompensa, non è un premio, è del tempo per calmarsi e imparare a gestire le proprie emozioni. Già il metodo comportamentale dello Yale Parenting...
    4 atteggiamenti educativi da evitare e i loro antidoti
    22.119
    Nella Positive Discipline, i vari atteggiamenti educativi del genitore si mantiengono in (quasi) perfetto equilibro tra dolcezza e fermezza, indissolubilmente intrecciate insieme, con semplicità e replicabilità degli sttrumenti educativi, in un...
    Come evitare (per quanto possibile) di urlare ai bambini
    24.666
    Abbiamo già parlato del perché urliamo nonostante tutti i nostri buoni propositi (puoi leggere qui l'articolo in merito al funzionamento della parte limbica del nostro cervello), ti ho anche già suggerito tre modi per cambiare il contenuto di quelle...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *