COMPORTAMENTO oppositivo: COSA FARE?
Figli Felici

COMPORTAMENTO oppositivo: COSA FARE?

Parliamo di quei comportamenti oppositivi che tanto ci lasciano spiazzati e dinnanzi ai quali non sappiamo bene cosa fare. Dinnanzi a un bambino che ti urla di “no” e poi ti tira pure un calcio, che getta ciò che ha in mano e se ne va: cosa possiamo fare?

Cos’è la “DISCIPLINA POSITIVA” per CRESCERE i nostri FIGLI?
Figli Felici

Cos’è la “DISCIPLINA POSITIVA” per CRESCERE i nostri FIGLI?

La disciplina positiva è quel modo individuato per insegnare (disciplina deriva dal latino insegnare) che guida i figli con rispetto verso una crescita consapevole. Potremmo paragonare la “positive discipline” all’aiutare i figli a dispiegare al meglio le proprie ali.

Come promuovere la creatività nei nostri figli
Figli Felici

Come promuovere la creatività nei nostri figli

Come possiamo noi genitori promuovere la creatività nei nostri figli? Ispirata dall’articolo della professoressa Silvia Bonino nella rivista Psicologia Contemporanea, ecco qui un elenco utile da tenere sotto mano e da discutere tra genitori (e/o famiglia allargata, naturalmente) per promuovere la creatività nei nostri bambini:

Le sette intelligenze
Figli Felici

Le sette intelligenze

In questo articolo con podcast ti parlo delle sette intelligenze da coltivare a scuola ma anche a casa. Siamo noi i primi responsabili dell’orientamento dei nostri figli, non (solo) gli insegnanti. Scopri come puoi aiutare di più i tuoi figli con le sette intelligenze di Gardner.

Cosa fare quando sbagli davanti a tuo figlio e 3 vantaggi unici
Figli Felici

Cosa fare quando sbagli davanti a tuo figlio e 3 vantaggi unici

Ottimo! Se sbagli davanti a tuo figlio hai un occasione d’oro per insegnare più cose, vediamole insieme. Sbagliare davanti ai nostri figli ha due vantaggi:

Il FRATELLINO PICCHIA il grande: PERCHÉ e COSA FARE
Figli Felici

Il FRATELLINO PICCHIA il grande: PERCHÉ e COSA FARE

Mi scrive una mamma preoccupata perché il fratellino picchia il grande. Cosa fare e cosa non fare? E poi, perché mai il piccolo vuole picchiare?