È GIUSTO CONTROLLARE O DIRIGERE I LORO GIOCHI? » La risposta è no. Il motto di questo articolo è: facciamo dirigere i giochi a loro! È giusto supervisionare, controllare, ma mai dirigere o comandare i loro giochi.

È giusto CONTROLLARE o DIRIGERE i loro GIOCHI?


La risposta è no. Il motto di questo articolo è: facciamo dirigere i giochi a loro! È giusto supervisionare, controllare, ma mai dirigere o comandare i loro giochi.



È giusto CONTROLLARE o DIRIGERE i loro GIOCHI? » Figli Felici » Debora Conti

Ecco un video dal mio canale su YouTube... Si parla di come giocare e di come alcuni adulti non hanno ancora capito che giocare con i bambini significa mettersi DI FIANCO a loro.

Quanti genitori si insinuano con la loro logica "da neo-corteccia" per voler a tutti i costi insegnare al bambino il modo più efficace per giocare?

Io sono sempre stata consapevole di dover ridurre la mia partecipazione al ruolo di assistente, eppure, alle volte, mi si risvegliava la neocorteccia che voleva rispettare una certa logica nella procedura e velocità nella realizzazione. Bisogna imparare a frenarsi.

Guarda il video per capire come giocare con loro esaltando la loro creatività, come ascoltarli, come stimolare la loro autostima, come elogiarli e accrescere la loro indipendenza. E poi, se la mamma deve andare a fare altro? Ecco esempi e soluzioni.





Scarica ora l'eBoook gratuito di Figli Felici di Debora Conti

Privacy Policy (GDPR)




È giusto CONTROLLARE o DIRIGERE i loro GIOCHI? » Figli Felici » Debora Conti Debora Conti è autrice, formatrice, Trainer di PNL a livello internazionale e Coach professionista. È dottoressa in lingue e in psicologia e ha conseguito diversi master. Ha scritto vari libri di crescita personale tra cui alcuni best seller. Ha ideato specifici metodi di auto-aiuto e ama divulgare in modo semplice e pratico solo ciò che trova utile.





Articoli più visti

Ecco i 9 articoli più visti del blog di Debora Conti nella categoria "Figli Felici". Debora Conti è autrice, formatrice, Trainer di PNL riconosciuta a livello internazionale e Coach professionista dal 2006 in Italia.







È giusto CONTROLLARE o DIRIGERE i loro GIOCHI? libro

Ecco in dettaglio 5 aree tematiche per iniziare a conoscere il metodo Figli Felici









È giusto CONTROLLARE o DIRIGERE i loro GIOCHI? » Figli Felici » Debora Conti

Non è una lotta, è una guida. Tu non sei il genitore che contrasta, sei il leader che insegna.
Debora Conti





Metodo Figli Felici

CORSO A DISTANZA A CASA TUA CON DEBORA!

Aiuta i tuoi figli con la guida emotiva e comportamentale della PNL (Programmazione Neuro Linguistica) della Positive Discipline e dello Yale Parenting Method. Figli Felici è la Formazione Completa per aiutarti a parlare, seguire e guidare i tuoi figli a livello emotivo e comportamentale. + Super Bonus Aiuta i tuoi figli a tornare al peso giusto o a RESTARE personcine Magre Naturalmente per sempre. È uno dei più bei regali che puoi fare ai tuoi figli: la libertà dai vincoli emotivi con il cibo.


PROGRAMMA DEL CORSO    AGGIUNGI AL CARRELLO






Libri & eBook

Porta con te i metodi proposti da Debora Conti. I libri sono un prezioso strumento per accompagnare la propria crescita personale nel quotidiano. Nei libri trovi tutti i segreti che Debora Conti insegna ai corsi dal vivo o nelle formazioni a distanza: per sé e il proprio benessere, per la propria crescita personale, per comunicare meglio con gli altri, sul lavoro, in famiglia e con i figli. Un pregio riconosciuto ai suoi libri? La chiarezza e la praticità.








Figli Felici

Ultimi articoli di Debora Conti nella categoria "Figli Felici". Figli Felici è un metodo educativo elaborato da Debora Conti a seugito della sua esperienza personale di mamma. La PNL applicata agli adulti è molto diversa da quella utile per aiutare i nostri figli. In questo metodo scopri strumenti di PNL per genitori, utili ad aiutare i figli a crescere emotivamente indipendenti, il metodo della Positive Discipline e le dritte comportamentali dello Yale Parenting Center. In Figli Felici trovi il giusto equilibrio tra educazione e rispetto, tra fermezza e dolcezza, tra guida e accompagnamento.

È giusto CONTROLLARE o DIRIGERE i loro GIOCHI? » Libro di Debora Conti

Comments 2

  1. Ciao Debora.
    Grazie per il tuo prezioso contributo, lo apprezzo molto!
    Mi trovo in accordo col tuo metodo educativo.
    Ho una bambina di quasi 3 anni che al mattino va al nido e due pomeriggi a settimana e’ a casa con me e i restanti tre e’ con i i nonni e che vuole sempre giocare con qualcuno e mai da sola.
    E’ stanca per andare al parco quindi passiamo il tempo a giocare assieme a casa, dipingendo, leggendo, cucinando, giocando col dido’ o con mille altri giochi. Un’oretta al giorno la passa fra tv e computerino ma per il resto e’ sempre attaccata a me. Abbiamo provato a invitare suoi amichetti a casa ma fra malanni di stagione e il suo senso del possesso non e’ stata una soluzione.
    Non gioca mai da sola e per me giocare tutto il pomeriggio e’ stressante.
    Fin da piccola l’ho abituata a fare tante piccole attivita’, credo sbagliando, xche’ non volendo l’ho anche abituata a cercare sempre qualcosa da fare mentre credo che anche la noia sia importantissima x lo sviluppo delle proprie risorse e della fantasia.
    Come posso migliorare questa situazione? Cosa sbaglio?
    Grazie del tuo tempo!

    1. Post
      Author

      Ciao Simona,
      intanto direi che non si sbaglia mai… O non si è mai comunque perfetti, eheh!
      Usa passaggi di 5 minuti in 5, dolcemente, intanto che tu fai una cosa la abitui a fare 5 minuti da sola, poi diventeranno 10 e poi 15. Non aspettarti tanto dai 3 anni perché comunque non credo che più di mezz’ora… Poi dipenderà anche da bambino a bambino e da abitudini.
      Ora non è tanto stagione di parchetti, però io ne approfitterei almeno per mezz’ora quando fa “decente” per un po’ di aria pulita (rispetto a virus vari di asilo) e un po’ di vitamina D 🙂
      Hai ragione, anche io voto per restare a far nulla (quell’annoiarsi di cui tanto si parla, giustamente) e vedrai che si inventerà cose e fantasie dal nulla e sarà bello osservarla creare e fare.
      Quindi, inizia passo passo, complimentati anche per 3 minuti di gioco da sola, che gestisce lei e che fa lei e poi continua tra minuti da darle da gestire e complimenti da parte tua.
      Alle volte fai anche finta di leggere una rivista intanto che lei inventa qualcosa con il didò. Lasciala fare e sbagliare, il risultato non deve essere bello, è il processo che conta a quell’età, almeno fino ai 5 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *