Inside out e TRISTEZZA


Scopriamo come nel cartone animato Inside Out il personaggio Tristezza si mostra utile e fondamentale per crescere e unirsi empaticamente agli altri


Inside out e TRISTEZZA » Scopriamo come nel cartone animato Inside Out il personaggio Tristezza si mostra utile e fondamentale per crescere e unirsi empaticamente agli altri » Figli Felici » eBook Gratuito » Qui trovi argomenti sul metodo Figli Felici per accompagnare i nostri figli nella loro crescita a livello emotivo, comportamentale e relazionale. Sfruttiamo le migliori indicazioni della psicologia dello sviluppo, della PNL, dalla Positive Discipline e dallo Yale Parenting Method.

Nel video ti parlo di tristezza, della sua utilità e di come nel cartone animato "Inside Out", proprio grazie a "Tristezza" si può procedere con l'aiuto di Bing-Bong.

Per tutto il cartone animato il personaggio di Tristezza è stato trascurato, messo in disparte, relegato in un angolo come personaggio e emozione non importante. Infatti, Gioia, il personaggio della gioia e felicità vorrebbe che la bambina che la ospita nel cervello fosse sempre felice e contenta e taccia Tristezza di inutilità.

Naturalmente Tristezza - be' - si intristisce. Intraprendono un'avventura nel cervello fino a che Bing Bong ha bisogno di conforto. Cerca empatia e riconoscimento della sua emozione. Gioia sarà incapace di darglielo e solo Tristezza potrà risollevarlo.


Come?


Mostrandosi vicina e rispettosa dei suoi sentimenti. Basterà dire "I'm sorry" / "Mi dispiace" e Tristezza si avvicinerà empaticamente a Bing Bong. Lui si sentirà capito e l'avventura potrà procedere. Da quel momento tutto cambia. E' la scolta.

Non solo in Inside Out, ma in tutta la psicologia contemporanea la tristezza è considerata un'emozione che ha valore e non da soffocare. Sappiamo già che soffocare le emozioni non le distrugge, non le annulla. Oggi tutta la psicologia infantile e per adulti sostiene di accogliere le emozioni, anche la rabbia, la paura e - naturalmente - la tristezza.

In PNL (Programmazione Neuro-Linguistica) la tecnica prende il nome di "pace, pace and lead", cioè segui, segui e poi conduci. Più che una tecnica, mi piace considerarla un giusto modo naturale per rispettare i sentimenti altrui e poi aiutarlo ad uscire da eventuale empasse.

La Positive Discipline che ho studiato e propongo in Figli Felici suggerisce di coinvolgere l'emozione, esserne consapevole e poi veicolarla verso la soluzione. Ed è proprio ciò che viene fatto nel cartone animato.

In PNL sfrutto un esercizio di Richard Bandler per gestire le emozioni, andare oltre la nominalizzazione e gestire l'emozione per ciò che è, per come un bambino di 4 anni potrebbe disegnarla. Se, per esempio, la paura è nera, cosa succederebbe se il bambino sentisse un altro colore nel corpicino? Nel metodo Figli Felici condivido con te anche questa tecnica.



Scarica ora l'eBoook di Figli Felici di Debora Conti







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *