È utile chiedersi “perché”? Scopri la differenza tra “perché no” e “perché io no”

Esistono domande utili e domande “non utili”. Poi esistono domande “utili” se si agisce, perché sono conoscitive come per es. il semplice “perché”. Scopriamo qui quando il “perché” è utile e quando non lo è.



È utile chiedersi “perché”? Scopri la differenza tra “perché no” e “perché io no” » Indipendenza Emotiva » Debora Conti

Qui dai un’occhiata a un capitolo tratto dal libro Ascolta i grilli e scendi dall’ottovolante che si intitola proprio Perché no? O Perché io no? E in cui scopri l’abissale differenza tra domande motivanti e domande “affossanti”.

PERCHÉ NO? O PERCHÉ IO NO?

DECIDERE quale delle due domande porsi è come scegliere tra la borsa o la vita. Un motivo di vita o uno di morte.

Vedere Marco così vitale e decidere di modellarlo può portare infatti a due atteggiamenti diversi, che segnano un confine, anzi di più, un vero e proprio baratro tra il successo e il più tragico dei fallimenti (quello dove non si impara niente e non c’è un minimo di feedback).

a. C’è chi potrebbe pensare che non ha nulla da perdere a provare a fare come lui, mettendo in pratica le cose che ha capito dalla sua struttura interna, e si chiede Perché no?
b. C’è invece chi si vuole scavare la fossa sotto i piedi, vuole distruggere la propria autostima e abbandonare in partenza e si chiede Perché io no?

PERCHÉ NO? 

Questa è una delle mie domande preferite. È la domanda della scoperta, del Be’, proviamo, no? Cos’ho da perdere?

Se qualcosa mi incuriosisce e sento di non avere nulla da perdere, il mio sistema di valori non verrebbe attaccato e non nuocerei a nessuno, allora, perché non fare una nuova esperienza?

Chiedersi Perché no? ci mantiene sempre giovani e desiderosi di provare nuove esperienze.

PROVA TU: PERCHÉ NO? E COSA MI DAREBBE?
Pensa alle persone che conosci e agli obiettivi che hai in mente di raggiungere con questo libro. Chiediti se tra i tuoi amici, famigliari o conoscenti ci sia qualcuno che vive già uno o più obiettivi che vuoi fare tuoi. A questo punto domandati che cosa, secondo te, porta o ha portato quella persona a raggiungerli.

E adesso la domanda fatidica:

Se lei ha fatto questa cosa, e a mio parere è anche per questo motivo che ha raggiunto quell’obiettivo (o ha sviluppato tale atteggiamento nei confronti della vita) «perché non provo a fare anch’io come lei?»

Se non ti vengono in mente obiezioni valide, non aspettare che la paura te ne suggerisca qualcuna di assurda.

Chiediti subito:

  • Cosa mi darebbe l’agire così da oggi?
  • Cosa mi darebbe pensare così?
  • Cosa mi darebbe credere che ce la posso fare anch’io?
  • Cosa mi darebbe sentirmi così?

Se alla domanda Perché no? non ti sembra di trovare risposte valide che ledano i tuoi valori allora puoi procedere, lasciando che la paura se ne stia tranquilla.

Ti faccio un esempio. Conosci qualcuno che ha avviato un business su Internet con eBay. Sei incuriosito, ti chiedi Perché no? e immediatamente arriva una risposta: perché non hai il tempo da dedicarci, fai abbastanza soldi e non è giusto sacrificare la tua famiglia per questo. La risposta è valida e dimostra che intraprendere un’attività su Internet per il momento non fa per te, perché trascureresti i tuoi cari.

Se invece di fronte alla stessa domanda Perché non posso provare anch’io a fare qualche soldo extra con eBay? La tua voce interiore non solleva nessuna obiezione importante, non indugiare. Non aspettare che la paura se ne esca con risposte del tipo:

  • Perché ce ne sono tanti che falliscono
  • Perché non sei capace e non hai esperienza
  • Perché non hai mai gestito un business tuo
  • Perché non conosci niente del mercato on line
  • Perché non è proprio da te
  • Perché ti faresti male
  • Perché perderesti solo il tuo tempo
  • Perché tu non sei così disciplinato come il tuo amico
  • Perché tu abbandoneresti alla prima difficoltà
  • eccetera…

Eccola qui! La paura, che incontrerai quando parleremo in modo più approfondito dei grilli nella testa. Poverina, lei cerca sempre di proteggerci ma troppo spesso ci tarpa solo le ali. Per ora ti interessa sapere che, se ti chiedi Perché no? e non ledi i tuoi valori, allora puoi continuare verso l’obiettivo domandandoti Cosa mi darebbe fare, credere, pensare, sentirmi così?

Così facendo ti rivolgerai direttamente al tuo traguardo senza indugiare in paranoie, e tranquillizzerai anche la paura grazie alle immagini interne suscitate dalle risposte alle tue domande.

Ti mostro qualche esempio:

  • Mi sentirei capace
  • Mi sentirei già così
  • Penserei che tutto sommato è facile
  • Crederei che fa già parte di me
  • Mi sentirei più energico
  • Mi sentirei più sicuro
  • Mi sentirei benissimo
  • Mi sentirei vivo
  • eccetera…

Noti anche tu una differenza abissale tra il dialogo interno condotto dalla paura e quello guidato dalla domanda Cosa mi darebbe fare come lui (che fa già come piacerebbe fare a me)?

PERCHÉ IO NO?
Ahhh! Se il tuo dialogo interno si inceppa spesso su questo disco, bisogna subito fare qualcosa.
Imparare a farsi domande ci permette di prendere in gestione il nostro dialogo interno.
Se Marco è vitale ed energico e tu ti rendi conto di essere più lento e meno dinamico, non porta a niente di buono chiedersi perché lui sì e tu no! Porta solo invidia e aumenta le differenze.

Non chiederti mai Perché io no? con un senso di rassegnazione nei confronti di ciò che vorresti fare o essere, ti farà soltanto sentire un perdente. Inoltre impedisce di visualizzare prospettive di riuscita e successo e porta a rispondersi così:

  • Perché lui è più bravo, intelligente, determinato
  • Perché tu sei un incapace
  • Perché sei stupido
  • Perché non sei costante
  • Perché non te lo meriti
  • eccetera…

Ricordi? Abbiamo detto che:

a. A domanda la mente risponde, perciò a domanda sciocca la mente risponde a tono
b. Tu non sei i tuoi comportamenti, perciò non puoi sempre essere stupido o intelligente, costante o incostante. Tu sei tu e ogni tanto fai cose brillanti, alle volte cose stupide, per certe dimostri costanza, per altre non ancora e così via
c. Devi sempre mettere in discussione le obiezioni che ti vengono rivolte, perciò se il tuo dialogo interno se ne esce con una frase del tipo Non te lo meriti, tu impara sin da ora a rispondergli in tono asciutto con queste domande: Ma chi lo ha detto? Ma che ne sai tu?





Scarica ora l'eBoook gratuito di Indipendenza Emotiva di Debora Conti

Privacy Policy (GDPR)




È utile chiedersi “perché”? Scopri la differenza tra “perché no” e “perché io no” » Indipendenza Emotiva » Debora Conti Debora Conti è autrice, formatrice, Trainer di PNL a livello internazionale e Coach professionista. È dottoressa in lingue e in psicologia e ha conseguito diversi master. Ha scritto vari libri di crescita personale tra cui alcuni best seller. Ha ideato specifici metodi di auto-aiuto e ama divulgare in modo semplice e pratico solo ciò che trova utile.





Articoli più visti

Ecco i 9 articoli più visti del blog di Debora Conti nella categoria "Indipendenza Emotiva". Debora Conti è autrice, formatrice, Trainer di PNL riconosciuta a livello internazionale e Coach professionista dal 2006 in Italia.







È utile chiedersi “perché”? Scopri la differenza tra “perché no” e “perché io no” » Libro di Indipendenza Emotiva » Debora Conti

Ecco in dettaglio 5 aree tematiche per iniziare a scoprire come applicare la PNL nel Quotidiano.









Libri & eBook

Porta con te i metodi proposti da Debora Conti. I libri sono un prezioso strumento per accompagnare la propria crescita personale nel quotidiano. Nei libri trovi tutti i segreti che Debora Conti insegna ai corsi dal vivo o nelle formazioni a distanza: per sé e il proprio benessere, per la propria crescita personale, per comunicare meglio con gli altri, sul lavoro, in famiglia e con i figli. Un pregio riconosciuto ai suoi libri? La chiarezza e la praticità.




  • Ascolta i grilli e scendi dall ottovolante libro ebook debora conti 2021 wide edizioni

    Ascolta i Grilli e Scendi dall'Ottovolante

    Wide Edizioni - 2021


    Acquista qui
  • i segreti dell indipendenza emotiva libro ebook debora conti

    I Segreti dell'Indipendenza Emotiva

    Sperling & Kupfer - 2018


    Acquista qui
  • ascolta i grilli e scendi dall ottovolante libro ebook debora conti sperling kupfer 2009

    Ascolta i grilli e scendi dall'ottovolante

    Sperling & Kupfer - 2009


    Acquista qui




È utile chiedersi “perché”? Scopri la differenza tra “perché no” e “perché io no” » Indipendenza Emotiva » Debora Conti

Mangiare o non mangiare: questa è libertà. Fare o non fare: questa è la differenza.
Debora Conti





Indipendenza Emotiva

CORSO A DISTANZA A CASA TUA CON DEBORA!

Gestisci i tuoi obiettivi con il giusto Mindset e la mente inconscia. Lavora per te, per il tuo futuro e per le tue relazioni di oggi. Questa formazione unica e completa ti svelerà i segreti della comunicazione con la tua mente inconscia per ottenere ciò che vuoi e per relazionarti con le persone attorno a te. Dimentica la procrastinazione, dimentica la frustrazione, dimentica le relazioni dannose. Con questa formazione online “Mindset & Obiettivi” ottieni tre formazioni complete e ti formi quando vuoi, quante volte vuoi con Debora Conti e nel gruppo di supporto. Ottieni video, audio, mappe, manuali e aggiornamenti futuri inclusi.


PROGRAMMA DEL CORSO    AGGIUNGI AL CARRELLO






Indipendenza Emotiva

Ultimi articoli di Debora Conti nella categoria "Indipendenza Emotiva". Essere indipendenti emotivamente significa poter gestire le proprie emozioni, indipendentemente dalla situazione e dalle relazioni. Grazie alla PNL applicata al quotidiano e ai più efficaci strumenti di coaching, Debora Conti ti aiuta a provare le emozioni che vuoi per la maggior parte del tempo. Pianifica gli obiettivi e motivati da dentro. Impara a comunicare efficacemente con la tua mente inconscia e con le persone attorno a te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *