IL LINGUAGGIO DELLA MENTE INCONSCIA » L'errore più grande che possiamo commettere nella gestione della nostra crescita personale, nel cambiamento o risoluzione degli errori è quello di pensare di risolvere tutto senza conoscere come funziona il linguaggio della mente inconscia.

Il LINGUAGGIO della MENTE INCONSCIA

L'errore più grande che possiamo commettere nella gestione della nostra crescita personale, nel cambiamento o risoluzione degli errori è quello di pensare di risolvere tutto senza conoscere come funziona il linguaggio della mente inconscia.



Il LINGUAGGIO della MENTE INCONSCIA » Indipendenza Emotiva » Debora Conti

Cos'è la mente inconscia?

La mente inconscia è qualcosa di fisico, tangibile e non è niente di metaforico, spaventoso, portentoso o fuori dal nostro controllo. La nostra mente inconscia è il cervello limbico e tutte le sue parti. La mente inconscia controlla abitudini, emozioni, memorie e cambiamento a lungo termine. La mente inconscia non sa cosa sia motivarsi a lungo termine o per ragioni - razionalmente valide, lei vive nel presente e ha un linguaggio tutto suo.

Il linguaggio della mente inconscia è parte consistente della mia proposta formativa in questo sito e al corso dal vivo di Indipendenza Emotiva e in questo articolo ti voglio parlare di alcuni escamotage linguistici per far sì che la mente inconscia sia tua alleata nel cambiamento.

Molto - anzi ancora troppo - spesso sento persone che demonizzano la mente inconscia come qualcosa che rema contro, un'entità superiore e cattiva, che vuole il nostro male, su cui non si ha potere e che ci controlla e ci rema contro. Niente di più sbagliato! La mente inconscia è nostra alleata e conoscendo il suo linguaggio possiamo farla lavorare INSIEME A noi, entità volitive, senzienti e coscienti.

Ecco qui tre importanti indicazioni per parlare il corretto linguaggio della mente inconscia:


1 USA I TEMPI VERBALI IN MODO CORRETTO La mente inconscia non lo sa che tu vuoi smettere di fumare, abbuffarti, arrabbiarti se ogni volta che fai "quella cosa" tu continui a insultarti (credendo di motivarti) dicendo cose come "Io mi abbuffo sempre la sera", o anche "Perché non riesco a smettere di fumare?" o usando l'umorismo "Certo che se continuo così alla fine scoppio!".

Pertanto, per indicare alla mente inconscia cosa NON vuoi più fare, usa il tempo verbale al passato (l'imperfetto): Io mi abbuffavo, io fumavo, io mi arrabbiavo... Stai mentendo? No, perché nel momento in cui tu pronunci queste affermazioni non stai né mangiando, né fumando, né sei arrabbiata/o. Il tuo ippocampo e l'amigdala capiranno che è un'azione da relegare nel passato.

Idem, se vuoi che qualcosa venga preso in considerazione dalla tua mente inconscia, inizia a eliminare i "vorrei", "mi piacerebbe" e usa un po' più spesso il tempo al presente indicativo. Ricorda però che non devi mentire, altrimenti la tua mente inconscia si chiuderà a riccio.

Usa il presente per ciò che è accettabile: "Io mangio lentamente, io assaporo", "Io bevo acqua e faccio 10 flessioni sulle braccia quando ho voglia di svagarmi", "Io respiro e conto fino a 10 quando il capo fa ciò che non mi piace". Non sto mentendo e rimango su alternative PIACEVOLI e FATTIBILI. due prerogative fondamentali per trasformare la pianificazione in realtà.

2 PARLA IN POSITIVO E NON NOMINARE QUELLE COSE INVANO Sembra uno dei 10 comandamenti... Quante volte ci scopriamo a spronarci con il linguaggio sbagliato! Il linguaggio della mente inconscia è un po' come Il linguaggio da usare con i bambini "Il linguaggio emotivo dei bambini". Come io scherzosamente (ma non troppo) dico, i bambini sono menti inconsce vaganti, ripensando a come parliamo a loro possiamo imparare a parlare al nostro cervello limbico.

I messaggi devono essere chiari, univoci, in positivo, ripuliti da umorismo o sarcasmo e - soprattutto - non devono contenere ciò che non vogliamo più fare o vivere. "Perché non riesco mai a smettere di fumare? Sono proprio una inconcludente!", "Non voglio più mangiare come un bue", "Sono stanco di mangiarmi il fegato per quei colleghi".

Qual è l'errore più grande? Quello di concentrarci su ciò che non vogliamo più. Per far in modo che la mente inconscia comprenda ciò che vogliamo ottenere, il linguaggio corretto è quello propositivo, chiaro, diretto e vago su ciò che è negativo. Pertanto ne vengono fuori frasi come:

  • "Io mangio e assaporo",
  • "Se incontro il capo respiro e canticchio nella mente"...

E, se proprio devo tenere in considerazione ciò che non voglio fare più, non lo nominerò ma dirò qualcosa come "quella cosa là". Vaghi per non risvegliare immagini mentali di ciò che, in realtà, vogliamo che la mente dimentichi.

3 FAI SOGNARE LA MENTE INCONSCIA
Usa, anzi abusa, di metafore e di voglio. "L'erba voglio cresce nel giardino della mente inconscia". Quante volte abbiamo usato quei pesanti "devo" a sproposito? Come se dirci che "dobbiamo" fare qualcosa lo renda più forte e ci motivi di più. Sbagliato. Il linguaggio della mente inconscia è lastricato di "voglio" e lei si motiverà più facilmente così:

  • "Voglio mangiare di gusto e il giusto",
  • "Voglio liberarmi da quella cosa e fare cose creative, divertenti, salutari per quando mi annoio",
  • "Voglio sentirmi sereno nei momenti di tensione in ufficio".

A livello metaforico potremmo inventarci immagini o film da regalare alla mente inconscia. Alcuni classici sono quello di immaginarsi con le braccia aperte in cima a un monte e respirare libertà, tuffarsi nel mare delle possibilità e sorridere dinnanzi al futuro, sentire gli applausi del successo ancor prima di aver affrontato una prova difficile...

In maniera più contenuta, ma sempre a livello metaforico, possiamo ricorrere ai colori che rappresentano stati emotivi funzionali e piacevoli. Che colore scorre dentro di te quando ti senti rilassata? Quando sei tranquillo e sereno? In controllo? Concentrato? Liberata/liberato? Usa questi colori a vantaggio di un linguaggio della mente inconscia chiaro e comprensibile.





Scarica ora l'eBoook gratuito di Indipendenza Emotiva di Debora Conti

Privacy Policy (GDPR)




Il LINGUAGGIO della MENTE INCONSCIA » Indipendenza Emotiva » Debora Conti Debora Conti è autrice, formatrice, Trainer di PNL a livello internazionale e Coach professionista. È dottoressa in lingue e in psicologia e ha conseguito diversi master. Ha scritto vari libri di crescita personale tra cui alcuni best seller. Ha ideato specifici metodi di auto-aiuto e ama divulgare in modo semplice e pratico solo ciò che trova utile.





Articoli più visti

Ecco i 9 articoli più visti del blog di Debora Conti nella categoria "Indipendenza Emotiva". Debora Conti è autrice, formatrice, Trainer di PNL riconosciuta a livello internazionale e Coach professionista dal 2006 in Italia.







Il LINGUAGGIO della MENTE INCONSCIA » Libro di Indipendenza Emotiva » Debora Conti

Ecco in dettaglio 5 aree tematiche per iniziare a scoprire come applicare la PNL nel Quotidiano.









Libri & eBook

Porta con te i metodi proposti da Debora Conti. I libri sono un prezioso strumento per accompagnare la propria crescita personale nel quotidiano. Nei libri trovi tutti i segreti che Debora Conti insegna ai corsi dal vivo o nelle formazioni a distanza: per sé e il proprio benessere, per la propria crescita personale, per comunicare meglio con gli altri, sul lavoro, in famiglia e con i figli. Un pregio riconosciuto ai suoi libri? La chiarezza e la praticità.




  • Ascolta i grilli e scendi dall ottovolante libro ebook debora conti 2021 wide edizioni

    Ascolta i Grilli e Scendi dall'Ottovolante

    Wide Edizioni - 2021


    Acquista qui
  • i segreti dell indipendenza emotiva libro ebook debora conti

    I Segreti dell'Indipendenza Emotiva

    Sperling & Kupfer - 2018


    Acquista qui
  • ascolta i grilli e scendi dall ottovolante libro ebook debora conti sperling kupfer 2009

    Ascolta i grilli e scendi dall'ottovolante

    Sperling & Kupfer - 2009


    Acquista qui




Il LINGUAGGIO della MENTE INCONSCIA » Indipendenza Emotiva » Debora Conti

Il pittore aggiunge colore. Lo scultore toglie l’extra. Sii entrambi nella realizzazione della tua vita.
Debora Conti





Indipendenza Emotiva

CORSO A DISTANZA A CASA TUA CON DEBORA!

Gestisci i tuoi obiettivi con il giusto Mindset e la mente inconscia. Lavora per te, per il tuo futuro e per le tue relazioni di oggi. Questa formazione unica e completa ti svelerà i segreti della comunicazione con la tua mente inconscia per ottenere ciò che vuoi e per relazionarti con le persone attorno a te. Dimentica la procrastinazione, dimentica la frustrazione, dimentica le relazioni dannose. Con questa formazione online “Mindset & Obiettivi” ottieni tre formazioni complete e ti formi quando vuoi, quante volte vuoi con Debora Conti e nel gruppo di supporto. Ottieni video, audio, mappe, manuali e aggiornamenti futuri inclusi.


PROGRAMMA DEL CORSO    AGGIUNGI AL CARRELLO






Indipendenza Emotiva

Ultimi articoli di Debora Conti nella categoria "Indipendenza Emotiva". Essere indipendenti emotivamente significa poter gestire le proprie emozioni, indipendentemente dalla situazione e dalle relazioni. Grazie alla PNL applicata al quotidiano e ai più efficaci strumenti di coaching, Debora Conti ti aiuta a provare le emozioni che vuoi per la maggior parte del tempo. Pianifica gli obiettivi e motivati da dentro. Impara a comunicare efficacemente con la tua mente inconscia e con le persone attorno a te.

Una discesa in ROLLER indipendenza emotiva pnl mindset obiettivi programmazione neurolinguistica mente inconscia gestire emozioni abitudine psicologia cambiamento comunicazione efficace

Mindset & Obiettivi


Una discesa in ROLLER

In questo articolo e podcast leggo un passaggio dal libro I segreti dell’Indipendenza Emotiva, è tratto dal capitolo “La tua Struttura Interna”. Leggerai di come il nostro focus, le nostre domande e il nostro dialogo interno può farci “ruzzolare” tragicamente fino a scorticare un fianco, piuttosto che superare la curva in dolcezza e andare giù dritti fino a che la strada non ritorni piana. [...]


Prosegui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *